Scarica Brochure
Calendario eventi
 
Incontro Cantù 2016 Incontro Cantù 2016
 

Tutti i soggetti del mondo dell’edilizia della Provincia di Como, con l’appoggio degli Istituti Finanziari, hanno creato un’importante partnership per offrire il giusto supporto a privati e proprietari interessati. Lo scopo è quello di diffondere la conoscenza delle potenziate misure agevolative consentendo di verificarne la fattibilità e la convenienza.

L’interesse dei proprietari deve essere volto verso il risparmio dei consumi, il miglioramento del patrimonio edilizio e del benessere abitativo.

Risparmio Energetico Bonus Mobili
Ristrutturazioni Edilizie
 

Faq

  • Antifurto fai da te: c’è il 50 per cento?

    Installazione di antifurto. Con la sola fattura di acquisto dell'impianto con iva 22% e pagando con bonifico posso detrarre il 50%? L'installazione sarebbe fatta da me.

    Certamente. Il pagamento dei materiali va fatto comunque con l’apposito bonifico: non basta una fattura.

  • Costruzione autorimessa pertinenziale e Iva

    Intendo realizzare un'autorimessa interrata nel giardino della mia abitazione che è la mia casa di residenza, ed ho già tutte le autorizzazioni. Io sono la nuda proprietaria e mia madre (convivente e pure residente) è usufruttuaria. Vorrei pagare io l'opera, posso usufruire dell'iva al 4% per tutti i lavori ? Potrei usufruirne anche per le consulenze geologico-strutturali?

    La risoluzione Entrate 17/03/2006 n. 39 ha chiarito che “si esprime l'avviso che la norma agevolativa sia riferibile anche alle ipotesi in cui l'acquisizione del box si realizzi mediante un contratto d'opera o di appalto aventi ad oggetto la relativa costruzione, ancorché realizzata in un momento successivo alla realizzazione o acquisto dell'abitazione principale. L'applicazione dell'agevolazione è, tuttavia, subordinata alla sussistenza del vincolo pertinenziale tra l'unità abitativa e il box. Nel caso in esame tale vincolo dovrà risultare dalla concessione edilizia richiesta per la realizzazione del box”. L’Iva al 4% è applicabile a patto che l’acquisto dell’appartamento sia stato fatto con le agevolazioni cosiddette “prima casa”(a meno che alla data dell’acquisto non fossero ancora vigenti, si veda Circolare Entrate 07/06/2010 n. 31 ) e che permangano tuttora tutti i requisiti. Attenzione: deve trattarsi della prima e unica pertinenza di categoria C/6 : se si è acquistato la casa con un altro box, l’Iva al 4% non è applicabile. Eventuali consulenze rientrano a nostro avviso, nel costo di realizzazione. I nudi proprietari hanno gli stessi diritti dei pieni proprietari.

  • Acquisto diretto piastrelle e detrazione

    Ristrutturazione bagno: comprando le piastrelle in un BRICO con la relativa fattura, è valida per la detrazione?

    Il pagamento dei materiali va fatto comunque con l’apposito bonifico: non basta una fattura.

  • Ritardo richiesta detrazione

    Nel caso di acquisto di garage pertinenziale, se un contribuente dimentica di chiedere la detrazione con la dichiarazione dei redditi dell'anno nel quale é stata sostenuta la spesa, può iniziare da quella di anni successivi, eventualmente rinunciando ad una o più annualità?

    Se comunque esistono tutti gli altri requisiti per godere lecitamente della detrazione è possibile iniziare goderne dall’anno successivo con la seconda rata. Per quanto riguarda il recupero della detrazione d'imposta della prima rata, il contribuente può inoltrare richiesta di rimborso agli Uffici finanziari secondo le modalità ordinarie di cui all'articolo 38 del DPR n. 602 del 1973. (circolare 12/5/2000, punto 2.1.2)

  • Infissi e 65%: condizioni

    Buon giorno, devo cambiare i miei serramenti vecchi in alluminio con dei serramenti in pvc. Ho acquistato la casa (è 1^ casa) a maggio del 2006 e ci abito da allora. Quest'anno ho anche messo un portoncino blindato. Posso detrarre il portoncino? A quanto mi deve essere calcolata l'Iva sui serramenti che devo acquistare?

    Di per sé la semplice installazione di serramenti e del portoncino potrebbero essere opere di manutenzione ordinaria sulla singola unità immobiliare, non detraibili ai sensi del 50% a meno che siano accompagnate da opere di manutenzione straordinaria e sia stata fatta una procedura in Comune. Se però i serramenti hanno le caratteristiche di bassa trasmittanza termica previste dal Dm 19/2/2007 e lo stesso vale anche per il portoncino, le une o entrambi possono godere della detrazione fiscale del 65%. Sia portoncino e che finestre godono in linea di principio dell’Iva al 10% (meglio farli acquistare dalla ditta installatrice), ma se l’importo del loro costo supera la metà della fattura della ditta, l’importo eccedente è sottoposto ad Iva al 22%.

  • Niente comunicazione per detrazione risparmio energetico

    Se non si invia la richiesta preventiva di esecuzione lavori a Pescara e non si comunica la chiusura di lavori, si perdono i benefici del 65%?

    La detrazione del 65% non è mai stata sottoposta all’obbligo della Comunicazione di inizio lavori a Pescara e quella del 50% non lo è più, per i lavori iniziati dal 14 maggio 2011. La comunicazione di fine lavori è in genere prevista dal Comune per certi iter urbanistici.

  • Coibentazioni tetto e requisiti del 65%

    Vorrei coibentare il tetto della casa facendolo rifare completamente, Di quali detrazioni posso usufruire? Quali documenti devo produrre ?

    Per il rifacimento del tetto, la detrazione del 50%. Per la sua coibentazione, dipende. Se il tetto copre un locale riscaldato e le coibentazioni hanno i requisiti del Dm 11/3/2008, allegato B, il 65%. Se il sottotetto non è riscaldato il 50%, perché il complesso rifacimento tetto-coibentazioni è manutenzione straordinaria. Se il locale non è riscaldato resta possibile godere del 65% per le coibentazioni se sono disposte a pavimento, a coinbentare il locale sottostante e rispettando i requisiti.

  • Nudo proprietario gode delle detrazioni

    Abitazione di mia proprietà con usufrutto di mia madre, posso recuperare il 50% sostenendo io il costo della ristrutturazione. Grazie

    Sia il nudo proprietario che l’usufruttuario possono godere della detrazione del 50%, fino all’importo complessivo e cumulativo di 36 mila euro di spesa affrontata da entrambi o da uno solo dei due.

  • Piani casa esclusi dalla detrazione

    Tra gli interventi ammessi per la detrazione rientra anche l'ampliamento con il piano casa?

    Come ha chiarito la Risoluzione Entrate 04/01/2011 n. 4, la detrazione del 50%, in caso di ampliamento, compete solo per le spese riferibili alla parte esistente in quanto l’ampliamento configura, comunque, una “nuova costruzione”. Pertanto in fattura andranno specificate e distinte le opere relative all’esistente e quelle relative alla parte ampliata: sole le prime saranno detraibili.

  • Agevolazione recupero per casa villeggiatura

    Quale deve essere l'aliquota da applicare dal fornitore in fattura a fronte di lavori per la ristrutturazione di seconda casa ?

    L’Iva al 10% è prevista per tutte le opere di recupero riguardante immobili residenziali. Non vi sono distinzioni riguardanti abitazione principale e seconda casa.

 

Promotori

 

Partner Finanziari

 
top